Parmareggio informa

Scopri il mondo Parmareggio in tutte le sue forme.

LA PALLAVOLO SI-CURA!
Pubblicato il 01/06/2015 nella categoria Sponsorizzazioni

Si chiama “La Pallavolo si-cura” il progetto nato dalla collaborazione tra FIPAV (Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale di Modena) e Ospedale di Sassuolo, che prevederà a partire dal prossimo settembre, momenti formativi e di aggiornamento rivolti agli operatori di 83 società sportive di pallavolo del territorio, e al quale Parmareggio parteciperà come sponsor.
L’obiettivo principale è quello di formare operatori non professionisti alle manovre di riabilitazione cardiocircolatorie di base e all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico, che saranno presenti costantemente durante le attività sportive, in accordo con i recenti interventi legislativi in merito.
I momenti formativi però non saranno legati solo alle situazioni di emergenza ma, come emerso dai questionari somministrati agli operatori delle società sportive coinvolte, la formazione e l’aggiornamento verterà su diverse tematiche che vanno dall’ambito sanitario, al doping fino ai corretti stili di vita, ecc.
Ed è proprio quando si parlerà di sport e sana alimentazione che Parmareggio sarà coinvolta con una giornata formativa dedicata alla merenda equilibrata per chi fa sport. E’ questo uno dei fabbisogni formativi emersi dal questionario e naturalmente Parmareggio con L’ABC della merenda ha la risposta/proposta giusta!
La formazione si terrà presso la Florim Gallery, una struttura moderna e all’avanguardia realizzata dall’azienda di Fiorano Modenese che ha voluto mettere a disposizione dell’Ospedale di Sassuolo uno spazio per erogare formazione ed informazione sanitaria.
Il progetto “La Pallavolo si-cura” è stato presentato il 29 maggio scorso alla presenza di numerose autorità dello sport, delle istituzioni e degli sponsor.
Al convegno ha partecipato come ospite Federica Lisi, moglie del pallavolista della nazionale italiana Vigor Bovolenta, prematuramente scomparso nel 2012 a seguito di un malore che lo colpì in campo, che da allora sta portando avanti una campagna di sensibilizzazione alla presenza dei defibrillatori sui campi da gioco.