SOSTENIBILITÀ E AMBIENTE Prodotti di alta qualità e innovativi
sviluppati con modalità sostenibili

Soddisfare il consumatore con prodotti di alta qualità ed innovativi: è questa la nostra mission aziendale. Per questo, lavoriamo quotidianamente su più fronti: ottimizzazione e controllo dei processi produttivi esistenti, sicurezza e qualità dei prodotti offerti sul mercato, oltre ad una intensa attività di innovazione orientata ad offrire al consumatore sempre nuove occasioni di consumo.

Dal punto di vista degli imballi, siamo alla continua ricerca di soluzioni che rispondano alle esigenze di un consumatore in continua evoluzione, proponendo nuovi formati e nuove occasioni di consumo del Parmigiano Reggiano, cercando confezioni e incarti che permettano di ridurre al minimo l’impatto ambientale e che producano il minor numero di scarti destinati allo smaltimento, oltre che all’ottimizzazione della logistica.

IL NOSTRO CONTRIBUTO

La terra e l’ambiente sono un bene prezioso. Obiettivo e responsabilità di chi lavora in Parmareggio e nelle aziende del Gruppo Bonterre è quello di preservarli, conservarli e di trasmetterli alle generazioni future, come patrimonio prezioso per la comunità e per la cultura aziendale.

Quotidianamente operiamo per ridurre l’impatto ambientale, ottimizzando l’utilizzo delle risorse e rendendo più efficienti i processi produttivi e ricercando sempre nuovi tecnologie e materiali che assicurino la qualità del prodotto con un minore impatto ambientale.

L'ABC DELLA MERENDA DIVENTA SOSTENIBILE

Si è concluso il passaggio di tutte le confezioni esterne dell'ABC della merenda al cartoncino, eliminando definitivamente le confezioni in plastica. Un importante passo in ottica di sostenibilità per migliorare l'impatto dei nostri packaging.


Il Gruppo Bonterre sta procedendo in ottica di sostenibilità per migliorare l’impatto della nostra filiera e dei nostri packaging, utilizzando materiali riciclati e/o riciclabili, fino, ove possibile, sostituire la plastica con materiali ecosostenibili, seppur nel rispetto delle caratteristiche organolettiche e di qualità del prodotto.

In particolare, nel 2020 abbiamo investito da un punto di vista produttivo per proseguire nel progetto di sostenibilità che avevamo già attivato sulla gamma L'ABC della merenda, iniziato a settembre 2019 con l’utilizzo di plastica riciclata almeno al 20% per le vaschette esterne. 
A gennaio 2020 su tre referenze (ABC Bio, ABC Senza Glutine e ABC con Plumcake) è stata sostituita la vaschetta in plastica con una nuova confezione esterna in cartoncino FSC. 
A settembre 2020, anche L’ABC Originale sul quale abbiamo effettuato un restyling grafico e la novità L'ABC Maxi, sono stati lanciati con la medesima confezione in cartoncino composto per il 90% da carta riciclata, da materiale che proviene da foreste certificate FSC e da fonti controllate.

Il processo di migrazione si è completato nel mese di aprile, con tutte le referenze della gamma L'ABC della merenda sono passate al pack in cartoncino ed eliminando definitivamente le confezioni in plastica.

Per la nostra gamma è stato un importante progetto che, con l'eliminazione definitiva di tutte le confezioni L'ABC in plastica, ci ha portato ad un risparmio annuale di consumo di petrolio che può essere paragonato ad una pila di barili alta 11 volte l'Empire State Building.


PARMAREGGIO E L'AMBIENTE: I CONSUMI E I RISPARMI

Dal 2004 ad oggi, tutti gli interventi realizzati negli stabilimenti produttivi sugli impianti utilizzatori di energia elettrica, gas e acqua, sono stati pensati, progettati e realizzati nell’ottica della massima efficienza e minore consumo. L'attività di riduzione dell’impatto ambientale sul processo produttivo (acqua, energia, gas, emissioni) ha portato anno dopo anno alla riduzione dei consumi energetici nei nostri stabilimenti.


Dal 2004 ad oggi, tutti gli interventi realizzati negli stabilimenti produttivi sugli impianti utilizzatori di energia elettrica, gas e acqua, sono stati pensati, progettati e realizzati nell’ottica della massima efficienza e minore consumo.

L'attività di riduzione dell’impatto ambientale sul processo produttivo (acqua, energia, gas, emissioni) ha portato anno dopo anno alla riduzione dei consumi energetici nei nostri stabilimenti.


La CO2 emessa dagli stabilimenti produttivi è passata da 265.17 ton del 2012 a 208.06 ton del 2020.

L'indicatore riferito al consumo di energia elettrica per unità di prodotto consolida il dato molto positivo del trend iniziato nel 2013. Il dato del 2020 è il dato più basso di sempre.



Nel 2020 si registra una riduzione di consumo di gas metano per tonnellata di prodotto del -23,60 % rispetto al 2012.


Possiamo dire che dal 2012 al 2020 a fronte di un incremento produttivo pari a + 33%, corrisponde ad un consumo specifico di acqua di -20,7%, ritornando ad avvicinarsi ai valori di efficienza del 2017.



Tutt’ora i successi di tale filosofia sono evidenti dai risultati ottenuti e confermati anche dall’attribuzione di Certificati Bianchi, che rappresentano un riconoscimento economico rilasciato dal GSE, Gestore Servizi Energetici, a fronte di interventi realizzati per rendere più efficienti e meno energivori gli impianti tecnologici.


SICUREZZA E AMBIENTE

Parmareggio si impegna a sviluppare la sua politica commerciale ed industriale con modalità sostenibili e a basso impatto ambientale nel rispetto del territorio e della comunità.

Il lavoro rivolto all'efficienza energetica è divenuto prassi consolidata nella gestione delle risorse necessarie al funzionamento di sistemi, macchine e impianti del ciclo produttivo nei siti di Parmareggio.

Da diversi anni le diverse realtà produttive sono certificate ISO 14001, una lunga fase di attento monitoraggio del livello e della composizione dei consumi, ha portato ad una loro sensibile diminuzione, in termini di energia elettrica, di metano e di acqua utilizzati.
Sono attivi quattro progetti realizzati sugli impianti approvati che ci permettono di conseguire Titoli di Efficienza Energetica (Certificati Bianchi).

Ambiente

Dal 2004 ad oggi, tutti gli interventi realizzati negli stabilimenti produttivi sugli impianti utilizzatori di energia elettrica, gas e acqua, sono stati pensati, progettati e realizzati nell’ottica della massima efficienza e minore consumo.

Attività di riduzione dell’impatto ambientale sul processo produttivo (acqua, energia, gas, emissioni)

L’attività di riduzione dell’impatto ambientale sul processo produttivo (acqua, energia, gas, emissioni) ha portato anno dopo anno alla riduzione dei consumi energetici nei nostri stabilimenti.
La CO2 emessa dagli stabilimenti produttivi è passata da 265.17 ton del 2012 a 208.06 ton del 2020.

CO₂ emessa dagli stabilimenti in relazione ai volumi di prodotto
Anno
Produzione

2012

24.051

2013

24.499

2014

25.626

2015

28.491

2016

28.831

2017

28.378

2018

29.397

2019

30.698

2020

31.925

Anno
CO2

2012

265,17

2013

254,20

2014

237,54

2015

229,88

2016

222,40

2017

222,53

2018

222,14

2019

217,87

2020

208,06

L'indicatore riferito al consumo di energia elettrica per unità di prodotto consolida il dato molto positivo del trend iniziato nel 2013. Il dato del 2020 è il dato più basso di sempre.

Riduzione consumi energia elettrica per tonnellata di prodotto rispetto al 2012
Anno
Consumo

2012

0,0%

2013

-5,3%

2014

-8,3%

2015

-12,1%

2016

-16,2%

2017

-15,1%

2018

-15,6%

2019

-19,0%

2020

-21,7%

Nel 2020 si registra una riduzione di consumo di gas metano per tonnellata di prodotto del -23,60 % rispetto al 2012.

Riduzione consumi di gas metano per tonnellata di prodotto rispetto al 2012
Anno
Consumo

2012

0,0%

2013

-2,3%

2014

-17,5%

2015

-14,9%

2016

-19,6%

2017

-22,0%

2018

-19,0%

2019

-19,1%

2020

-23,6%

Possiamo dire che dal 2012 al 2020 a fronte di un incremento produttivo pari a + 33%, corrisponde ad un consumo specifico di acqua di -20,7%, ritornando ad avvicinarsi ai valori di efficienza del 2017.

Riduzione consumi di acqua per tonnellata di prodotto rispetto al 2012
Anno
Consumo

2012

0,0%

2013

-5,9%

2014

-12,5%

2015

-18,1%

2016

-14,6%

2017

-21,2%

2018

-12,9%

2019

-13,8%

2020

-20,7%

Tutt’ora i successi di tale filosofia sono evidenti dai risultati ottenuti e confermati anche dall’attribuzione di Certificati Bianchi, che rappresentano un riconoscimento economico rilasciato dal GSE, Gestore Servizi Energetici, a fronte di interventi realizzati per rendere più efficienti e meno energivori gli impianti tecnologici.

I RICONOSCIMENTI AMBIENTALI

Il Burrificio Parmareggio fu il primo ad ottenere i Certificati Bianchi rilasciati in Italia nel settore industriale grazie agli interventi realizzati per rendere più efficienti e meno energivori gli impianti tecnologici nelle fasi dei principali cicli di produzione, a seguito di un progetto realizzato in collaborazione con Hera.
Il progetto è stato presentato a diversi convegni su tutto il territorio nazionale come esempio di progetto pilota e di conseguenza, esteso al settore industriale italiano.

In particolare il progetto aveva riguardato la realizzazione di un impianto che serviva a migliorare l’efficienza energetica nelle fasi di produzione del burro, razionalizzando al meglio i processi termici intermedi necessari alla lavorazione delle panne e dei derivati, in pratica si è trattato di fare incrociare in appositi scambiatori di calore i prodotti caldi che devono essere raffreddati con i prodotti freddi che devono essere riscaldati.

Si è provveduto poi alla ristrutturazione e riqualificazione degli impianti di refrigerazione ad ammoniaca per la produzione di acqua gelida a servizio di tutto il burrificio e delle celle burro con l’installazione di un nuovo compressore a pistoni con motore elettrico dotato di inverter con apparecchiature e sistemi di controllo più precisi ed efficienti in particolare il quadro elettromeccanico è stato sostituito da PLC per la gestione e la supervisione di tutto l’impianto acqua gelida e controllo celle con l’obbiettivo ottimizzare al meglio i parametri di funzionamento e ridurre consumi energetici.

Anche per questa attività abbiamo ottenuto il riconoscimento dei Certificati Bianchi.

Sono stati effettuati anche due importanti interventi, uno nello stabilimento di Modena, dove è stata realizzata un'unica centrale di produzione aria compressa a servizio di tutto lo stabilimento e l’altro nello stabilimento di Montecavolo, dove si provveduto alla ristrutturazione della centrale frigo, attività che hanno portato una importante riduzione nei consumi di energia elettrica.

Stiamo lavorando su più fronti con l’obiettivo di garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo.

  • Raggiungere la gestione sostenibile e l’uso efficiente delle risorse naturali, attraverso la continua ricerca di materiali che siano riciclabili e sostenibili, nel rispetto delle caratteristiche organolettiche e di qualità del prodotto.
  • Attore propositivo all’avanguardia nel proprio settore per quel che concerne le nuove tecnologie utili a ridurre i consumi energetici e impatti ambientali delle proprie attività.
  • Ridurre la produzione di rifiuti, ridefinendo le specifiche tecniche di materiali di confezionamento. Gli obiettivi sono limitare l’utilizzo del materiale plastico, ricercare imballi mono-materiale e quindi riciclabili e riutilizzare quando possibile la plastica di scarto nei reparti produttivi allo scopo di passare da rifiuto a sottoprodotto.
  • Sensibilizzare le risorse che operano in azienda, promuovendo le informazioni e la consapevolezza in tema di sviluppo sostenibile, in modo che ognuno di noi possa dare il suo contributo per un obiettivo comune.

Da diversi anni le diverse realtà produttive sono certificate BS OHSAS 18001, che certifica il sistema di gestione della sicurezza e salute sul luogo di lavoro.
Parmareggio ha a cuore la salute e sicurezza dei propri lavoratori! Per questo motivo abbiamo avviato il progetto “Infortuni Zero”. Per raggiungere questo ambizioso obiettivo è importante il coinvolgimento del personale mediante incontri mirati alla creazione di consapevolezza rispetto agli aspetti ambiente e di salute e sicurezza sul lavoro.
Ad oggi sono stati costituiti gruppi di lavoro per migliorare la collaborazione, gestire i conflitti e incrementare la consapevolezza rispetto agli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro.

Parmareggio considera l’ambiente come patrimonio prezioso per la comunità e per le generazioni future.
Per ottenere il miglioramento continuo è fondamentale che tutti i collaboratori (dipendenti, clienti, fornitori) si facciano parte attiva per raggiungere gli obiettivi fissati.

E’ per questo che abbiamo redatto una lista di attività che tutti possono mettere in pratica, buone prassi ambientali, che possono essere utilizzate in azienda ma anche a casa.
AIUTACI A MIGLIORARE: IL PROSSIMO PASSO FALLO TU!

Scarica il volantino
Emiliano
Sistema qualità

IL SISTEMA QUALITÀ

La Qualità Parmareggio a garanzia della salute e del benessere del consumatore.

La qualità e la sicurezza dei prodotti finiti derivano dalla capacità di controllo e dalla qualità di tutti gli elementi della filiera: il primo elemento è costituito dal livello qualitativo delle materie prime a cui si associa quello del processo produttivo, nel rispetto degli standard igienici definiti, fino ad ottenere un prodotto finale sicuro per il consumatore.
L'attività di controllo qualità abbraccia tutte le fasi della produzione di Parmareggio: i controlli vengono attuati per mezzo di prelievo di campioni del prodotto, analisi di laboratorio condotte sugli stessi campioni, ispezioni e controlli igienici dell'ambiente di lavorazione.

Qualità, sicurezza e trasparenza dei processi produttivi sono gli elementi fondamentali di una politica aziendale che ha portato Parmareggio ad implementare un Sistema di Qualità e Sicurezza Alimentare che ha permesso nel corso degli anni, di ottenere e di mantenere numerose certificazioni in tutti gli stabilimenti produttivi:

CERTIFICAZIONI QUALITÀ E SICUREZZA ALIMENTARE
Global Standard for Food Safety Grade: AA
Global Standard for Food Safety Grade: AA
Stabilimento di Modena
CERTIFICATO BRC STABILIMENTO DI MODENA
Stabilimento di Montecavolo di Quattro Castella (Re)
CERTIFICATO BRC STABILIMENTO DI MONTECAVOLO

International Features Standard - Food Grade: Higher Level
International Features Standard - Food Grade: Higher Level
Stabilimento di Modena
CERTIFICATO IFS STABILIMENTO DI MODENA
Stabilimento di Montecavolo di Quattro Castella (Re)
CERTIFICATO IFS STABILIMENTO DI MONTECAVOLO

Food Safety Management
Food Safety Management
CERTIFICATO ISO 22000:2005
CERTIFICAZIONI DI PRODOTTO
CERTIFICAZIONI AMBIENTE E SICUREZZA
ISO 14000 - Environmental management
ISO 14000 - Environmental management
CERTIFICATO ISO 14001
UNI ISO 45001 - Occupational Health and Safety Assessment Series
UNI ISO 45001 - Occupational Health and Safety Assessment Series
CERTIFICATO UNI ISO 45001
ALTRO

Registrazioni presso paesi terzi:
FDA (USA) - Custom Union (Russia) - Brasile - Cina